AUXILIUM: alcuni esempi di utilizzo

Tutorat.it vuole dare all’informazione giuridica un risvolto davvero pratico e operativo. Da quando il nostro sito è on line abbiamo ricevuto una miriade di incoraggiamenti, ma anche di richieste, e siamo convinti più che mai che la condivisione di contenuti possa essere davvero di grande aiuto e supporto ai professionisti in questo settore.

Questa settimana vogliamo presentarti un servizio di Tutorat che ti consentirà di ottenere soluzioni facili per le tue domande in maniera veloce, lo abbiamo chiamato: “AUXILIUM” (dal latino “aiuto”).

Ti basta compilare il form del modulo di richiesta di Auxilium che trovi in calce alla home page del sito ed inoltrerai direttamente al nostro staff il tuo quesito, che sarà preso in carico ed elaborato in tempi brevi.

Verrai contattato non appena avremo la soluzione indicata per il tuo caso.

Penseremo noi a trovare le risposte.

Un caro saluto

Staff di Tutorat.it

Di seguito troverete una serie di richieste e domande che ci sono state inoltrate, di seguito le risposte:

ERRORI ERRORI!!! STRANE DICITURE NELLA TERZA PEC!

In molti casi il sistema interpreta il contenuto della busta telematica in maniera scorretta e quindi compare nella terza pec:

  • “FORMATO NON RICONOSCIUTO, SONO NECESSARIE VERIFICHE”

Vuol dire che all’interno dei documenti c’è un file col nome troppo lungo o un file con un’estensione non consona.

  • “NUMERO DI RUOLO NON VALIDO, SONO NECESSARIE VERIFICHE”

Non sei esiste il tuo nome come difensore nel fascicolo elettronico. Hai sbagliato il numero di RG.

  • “ERRORE IMPREVISTO FIRMA CERTIFICATO SCADUTO, SONO NECESSARIE VERIFICHE”

Vuol dire che la tua firma dig e’ scaduta o che hai allegato file particolari (esempio: la sentenza del giudice che ha un cod fisc diverso dal tuo).

COME SI PERFEZIONANO I DEPOSITI TELEMATICI

Lo capisci dalle 4 pec che il sistema invia. Già la seconda è sufficiente. La terza rafforza il fatto che il file .xml combacia coi dati del registro di cancelleria e ti informa del suo raggiungimento presso l’ archivio della cancelleria. La quarta è quella che chiude il cerchio.

  PROVA DI AVVENUTA NOTIFICA PEC A FINI DEL DECORSO DEI TERMINI:

La notifica mediante pec al collega costituito per far decorrere un termine o farlo per un decreto ingiuntivo ai fini dell’esecutività è una convenienza mica da poco in termini di tempo e opportunità perchè darà la prova direttamente al fascicolo informatico in maniera da notiziare la cancelleria e richiedere l’apposizione della formula esec con una prova certa quella della data della pec senza scomodarti a consegnare originali di notifica.

NOTA BENE:

  1. ti sconsiglio di allegare i pdf delle pec di accettazione e consegna.
  2. devi fare una sorta di nota di accompagnamento con cui informi la cancelleria che depositerai gli allegati eml che danno prova della notifica.
  3. allegherai anche gli eml stessi.

QUANDO POSSO VEDERE GLI ATTI DEPOSITATI DAL COLLEGA?

Ipotesi: il tuo collega deposita 2 giorni prima (come di norma accade), vedrai il suo atto dopo le 14:30 del giorno successivo, ricezione completata di centro max entro 24 h dall’invio.

Consiglio di non giocare troppo su questa cosa inviare l’ultimo minuto implica impossibilità di rivedere errori e opportunità.

PER LE ISCRIZIONI A RUOLO NEL PAT, USO LE MARCHE LOTTOMATICA?

No, bisogna fare un f24 specifico definito con elementi attivi e predisporlo in banca fornendolo poi con la quietanza contenente questo protollo o elemento identificativo ben chiaro.

     NELLE NOTIFICHE O ISCRIZIONI PAT DEVO ATTESTARE ANCHE IL MIO ATTO?

Se frutto di  conversione da word no, nè in notifica nè al lato iscrizione, è un atto proprio dell’avvocato.

  NELL’INVIO TELEMATICO NEL PCT CON ATTI ENDO-PROCESSUALI POSSO ALTERNARMI CON LA COLLEGA DI STUDIO?

Se è in co-mandato il sistema dovrebbe riconoscerlo, differentemente bisogna allegare un avviso con anche la procura attestante il rapporto di mandato per permettere al cancelliere la forzatura del sistema.

     SE UN INVIO SUPERA IL PESO  +30 MEGA IN AMBITO PAT COME FACCIO?

Entro nel portale giustizia amministrativa, sulla destra cerca la voce “portale avvocato”, entra con le credenziali in tuo possesso e procedi al deposito per upload specificando il motivo di tale azione.

   CHE TIPO DI FIRMA DIGITALE USO NELLE NOTIFICHE NEL PAT? CON ESTENSIONE P7M?

Ti consiglio la firma pades usando acrobat reader dc o superiore con la funzione di firma con certificato dal menu strumenti.

Continuate a scriverci compilando il form in calce alla home page e poneteci la vostra domanda.

Troveremo le soluzioni a voi più adatte!

Staff di Tutorat.it

Ciao! Scrivi qui. Ti risponderemo appena possibile.

VIRGILIUM